BERTONCELLO NICO (DOMENICO) – BASSANO DEL GRAPPA – 23 AGOSTO 1948 – UNA VITA PER LA POESIA DIALETTALE – C – POESIE SCELTE

 

NICO BERTONCELLO – POESIE SCELTE DALL’AUTORE

realizzazione di Vasco Bordignon

Da “ NA SBATUA DE AE “ – Tipografia ISG – Vicenza – 1981

NA SBATUA DE AE

Na sbatua de ae/ xe ’a me vita/ on viajo curto/ rento l’eternità. / E po?/ E po, ’a sarà finia!/ Passarò ’e montagne/ e l’orizonte lontan,/ passarò nel cieo/ pa vivare co ’a me anima/ l’eternità là su./ Ma intanto, Dio,/ assame voeare/ n’altra s-cianta/ fin che ’e me ae/ no sarà strache,/ fin che vegnarà/’a me stajon de autuno.

UN BATTITO D’ALI – Un battito d’ali/ è la mia vita/ un viaggio corto/ dentro l’eternità./ E poi?/ E poi, sarà finita!/ Passerò le montagne/ e l’orizzonte lontano,/ passerò nel cielo/ per vivere con la mia anima/ l’eternità lassù./ Ma intanto, Dio,/ lasciami volare/ un altro po’/ fino a che le mie ali/ non saranno stanche,/ fino a che verrà/ la mia stagione d’autunno.

UIVARI

Albari spetenài da ’l vento/ so ’e coste ondueae/ de ste coìne,/xente in piassa de ’l marcà,/ che slonga i brassi/ pa far afari;/ caresse, ’e faìve de neve/ sbiadisse i coeori/ de ’e foje senpre verdi,/ uniche restae/ paratorno/ de ’a stajon passà,/ nova matina/ de na primavera/ che no ze/ gnanc’ora scumissià./ In sto mondo martorià,/ segni veci e nuvi/ de paçe,/ no’ more ’a speransa/ de vedar sera;/come so na corsa/ che no finisse mai/ se porta drio/ pa ’l tenpo/ da ’a stajon vecia/ a quea nova,/storie, usanse/ e tradission de vita,/ fruti mauri/ da darghe,/ eterna scoea,/ a i bocoi nuvi/ portai in brasso/ da ’a primavera.

OLIVI – Alberi spettinati dal vento/ sui pendii ondulati/ di queste colline,/ gente in piazza del mercato,/ allungano le braccia/ per fare affari;// carezze, le falde di neve/ sbiadiscono i colori/ delle foglie sempre verdi,/ uniche rimaste/ attorno/ della stagione passata,/ nuova mattina/ di una primavera/ che non è/ ancora cominciata.// In questo mondo martoriato,/ segni vecchi e nuovi/ di pace,/ non muore la speranza/ di vedere sera;// come su una corsa/ che non finisce mai/ si trascinano/ per il tempo/ dalla stagione vecchia/ a quella nuova,/ storie, usanze/ e tradizioni di vita/ frutti maturi/ da dare,/ eterna scuola,/ ai boccioli nuovi/ portati in braccio/ dalla primavera.

NONA NEA

Orassion dite a ’l vento,/ a ’l soe, a ’l cieo,/ rento casa, in leto,/’ndando messa,/ orassion semenà dapartuto/ pa ciaparte on posto/ in Paradiso,/ come se no te ghissi/ triboeà ’bastansa/ pa meritarteo./ ’Desso/ te dormi nel siensio/ che dà paçe,/ lontan da ’l bordèo/ de sto mondo,/ rento el core de ’a tera/ te si soea co Lu./ Sora de ti,/ in primavera,/ nasse/ bocoi de rosa,/ novo fiore,/ novo amore.

 NONNA NELLA – Preghiere dette al vento,/ al sole, al cielo,/ dentro casa, a letto,/ andando a messa,/ preghiere seminate dappertutto/ per prenderti un posto/ in Paradiso,/ come se non avessi/ faticato abbastanza/ per meritartelo.// Ora/ dormi nel silenzio/ che dà pace,/ lontana dal rumore/ di questo mondo,/ dentro il cuore della terra/ sei sola con Lui.// Sopra di te,/ in primavera,/ nascono/ boccioli di rosa,/ nuovo fiore,/ nuovo amore.

Da “ E CO VIEN SERA “ – Ghedina & Tassotti Editori – Bassano del Gr. – nel 1987

Màscare

Ghemo messo su/màscare de carton/ stanpae/ de sorisi, de sberlefi:/ ghemo fato festa!/ e ’desso che carnevae/ dorme so i ricordi/ on sono de scoriandoi/ no’ voemo pì cavarle./Serchemo de scondare/’e lagrime/de ’na vita stranba/ che porta amaresse/ e delusion./ Voemo tegnere/ almanco/ in facia a ’a zente/ chel soriso che fa luçe/ come neve so ’a montagna/ a ’a prima peneà de soe;/ voemo tegnere/ almanco/ chel sberlefo che ne fa/sognare pa’ ’na volta/ de ’vere on corajo da leon,/ de ’vere ligà ’a luna/ sol nostro posso. 

MASCHERE – Ci siamo messi/ maschere di cartone/ stampate/ di sorrisi, di sberleffi:/ abbiamo fatto festa!/ e adesso che carnevale/ quasi dorme sui ricordi/ un sonno di coriandoli/ non vogliamo più levarle.// Cerchiamo di nascondere/ le lacrime/ di una vita bizzarra/ che porta amarezze/ e delusioni.// Vogliamo tenere/ almeno/ in faccia alla gente/ quel sorriso che fa luce/ come neve sulla montagna/ alla prima pennellata di sole;// vogliamo tenere/ almeno/ quello sberleffo che ci fa/ sognare per una volta/ di avere un coraggio da leone,/ di aver legato la luna/ sul nostro pozzo.

Da veci

Ndar pa’ ’a strada/ come foje zae/ strassinà dal vento,/ fermarse in t’on cantòn/ e no’ saèr parché/ se se ga fermà./ Star là/ a vardare imatonii/ el mondo che/ gira/ ’ncora come ’na giostra/ e ’assarlo girar/ e no’ poèr essare su/ parché ’e/ fòrse se perde/ ne l’aria come paveje,/ ’a luçe se fa senpre pì veà/ e i oci pian/ pian/ se sara/ fin a l’ultimo fià.

DA VECCHI – Andare per la strada/ come foglie gialle/ trascinate dal vento,/ fermarsi ad un angolo/ e non sapere perché ci si è fermati.// Stare là/ a guardare attoniti/ il mondo che gira/ ancora come una giostra/ e lasciarlo girare/ e non poter salire// perché le forze si perdono/ nell’aria come farfalle,/ la luce si fa sempre più velata/ e gli occhi piano piano/ si chiudono/ fino all’ultimo respiro.

A me fiolo

’Desso che i to pensieri/ serca i so parché/ rento el caìvo del saèr/ te podarìa contar ’na storia/ co’ cavai bianchi che core/ ne ’a çità del soe,/ te podarìa contar ’na storia/ dove no’ ghe xe/ matine de brosa/ che incaena i nostri prai,/ stajon carghe de promesse/ portà via dal vento come foje zae,/ e invese te diso de ’a scola…/de ’a vita… de ’a droga…/ te diso dei me pensieri…/ de queo che me spuncia in cor,/ E TUTO ME FA PAURA!/ e… squasi squasi/ garìa vossuo ’assarte/ nel siensio del tenpo/ dove no’ ghe ze promesse/ e gnanca preocupassion./ Ma… go rento come raìse/ ’a voja de vivare/ e no’ stao a vardare,/ caminaremo insieme/ mi e ti/ col nostro fagoto de speranse/ pa’ ’e strade erte de ’a vita.

A MIO FIGLIO – Ora che i tuoi pensieri/ cercano i loro perché/ dentro la nebbia del sapere/ ti potrei raccontare una storia/ con i cavalli bianchi che corrono/ nella città del sole,// ti potrei raccontare una storia/ dove non ci sono/ mattine di brina/ che incatenano i nostri prati,/ stagioni piene di promesse/ portate via dal vento come foglie gialle,// ed invece ti dico della scuola…/ della vita… della droga…/ ti dico dei miei pensieri…/ di quello che mi punge nel cuore,// E TUTTO MI FA PAURA!// e… quasi quasi/ avrei voluto lasciarti/ nel silenzio del tempo/ dove non ci sono promesse/ e nemmeno preoccupazioni.// Ma… ho dentro come radici/ la voglia di vivere/ e non sto a guardare,// cammineremo insieme/ io e te/ con il nostro fardello di speranze/ per le strade ripide della vita.

Da “ PASSAGGIO SEGRETO” – Stocchiero Editrice – Vicenza – nel 1992

Ho camminato

Ho camminato/ sottovoce/ per non rubare/ gli sguardi della gente/ e con giochi d’ombra/ tra campagna e città/ strappati i giorni/ ho disegnato l’età./ Ali di gabbiano/ e voci di corvo/ nel labirinto dei pensieri./ Con mano di velluto/ e spada lucente/ ho lacerato il muro/ che mi ostruiva l’orizzonte./ Ora/ agli angoli del calendario/ ragnatele/ dicono di questo mio/ passaggio segreto.

Guscio vuoto…

“Guscio vuoto di cicala…”/ non canta più./ Perse le ali, dimenticate/ nei vicoli le parole/ scivolo come ombra/ di fine stagione/ nei cupi gialli dell’autunno./ Non è l’età che opprime,/ è questo vuoto di versi/ che mi fa stare in silenzio/ a chiedere di me stesso./ Barca al molo che aspetta/ un remo per partire,/ vela tesa all’orizzonte/ senza un filo d’aria./ “Eppure la vita stormisce attorno…”/ e allungo le mani per capire/ anche i passi del sole,/ma come scompare l’ombra/ se ne vanno i disegni,/ scivolati via,/ e resto come Tantalo/ legato alla roccia della poesia/ a rodermi/ per le pagine ancora bianche.

“ … “ versi di Mario Luzi da “Al fuoco della controversia”

 Non accadrà…

Non accadrà che dica basta/ al correre della vita anche se violenta;/ nelle fessure dell’animo/ trovo sorgenti per dissetare il sole/ e alla notte, lepre nascosta controvento/ per sfuggire ai cani, mi riposo./ Anche tra le mura domestiche/ scrivo a due mani uno spartito/ che a frammenti solfeggio,/ scuola di musica impartita ai figli/ per non lasciarli da soli a leggere/ tra le righe di un mondo che insegue./ Affinati i giochi della mente che calma/ infervora l’andare verso il domani/ non preparo valigie di ricordi,/ spinto dal vento di bora/ seguo la bussola sul filo del nord:/ troverò la stella polare./ Dagli iceberg che sonnecchiano/ dovrò rimanere lontano perché travolgono/ ed infrangono queste mie speranze/ di gabbiano impaurito arrivato/ troppo presto alle soglie di un mondo/ che ha richiami d’era glaciale.

Da “ EL DOLSE DEI CACHI “ – Editrice Cesar – Vicenza – 1996

El dolse dei cachi

Me xe restà el dolse dei cachi / che maurava so l’orto./ … el vento sigando forte/ ga spacà i bancuni/ e sbregà el siensio/ che sofegava sta sbrancà de tera. /Ga semenà el tenpo ’a sbroéja!/ Co’ i oci scavài che sconde el scuro,/ ’a porta verta, i copi despetenai,/ ’a xe restà ónta e bisónta/ co’ el portego sfondà./ L’erbassa ga magnà alca el saìso!/ E pensare che i ani ’rivava/ lesieri come farfàe,/ i persegari inpiturava marso/ e ’e foje zugava so ’e piantàe.

IL DOLCE DEI CACHI – Mi è rimasto il dolce dei cachi/ che maturavano nell’orto.// … il vento gridando forte/ ha rotto le imposte/ e strappato il silenzio/ che soffocava questa manciata di terra.// Ha seminato il tempo il vilucchio!// Con gli occhi scavati che nascondono il buio,/ la porta aperta, le tegole spettinate,/ è rimasta sporca, sporchissima/ con il portico sfondato.// L’erba alta ha mangiato anche il selciato!// E pensare che gli anni arrivavano/ leggeri come farfalle,/ i peschi coloravano marzo/ e le foglie giocavano sui filari di viti.

 Stajón de slusaróe

Quando so ’e coltrine de ’e nùvoe/ on s-ciantiso viola sbrega el scuro/ e verse el boresso dei malagragni/ vardo i trodi sconti del cuore./ Tuto pare caressà dal miele,/ case, zente: ciufi de bonbaso;/ e invese el xe on specio roto/ che no’ se poe pì giustare./ El sabión ga sepuìo i prai/ ma soto ruma ’ncora i me zughi;/ l’erba xe on balonsìn scanpà/ e ’e sope xe tanto, tanto pì in là./ No’ ghe xe staión de slusaróe/ che mi no’ passe pa’ ste strade/ senpre storte come ’na volta/ ma querte de ’sfalto e sensa siese.

STAGIONE DI LUCCIOLE – Quando sulle tendine delle nuvole/ un lampo viola strappa il buio/ e apre l’allegria dei melograni/ guardo i sentieri nascosti del cuore.// Tutto sembra accarezzato dal miele,/ case, gente: batuffoli di bambagia;/ e invece è uno specchio rotto/ che non si può più riparare.// La sabbia ha seppellito i prati/ ma sotto si tormentano ancora i miei giochi;/ l’erba è un palloncino fuggito/ e le zolle sono tanto, tanto più in là.// Non c’è stagione di lucciole/ che io non passi per queste strade/ sempre storte come una volta/ ma coperte di asfalto e senza siepi.

 ’A luna

A luna dadrìo ’a siesa/ ’a caminava pie partera/ e ’a vegneva ’e note de lujo/ rento so ’a rosta co’ noaltri/ a sguassare el sorgo de me popà./ Granda, tonda, zala come ’a poenta,/ picà pararia fa i baluni de ’a sagra,/ fuminante sbarà che inpissava el scuro/ ’a slongava ’e onbrìe de ’e cane/ che ne faseva ciapar paura./ Ma se ranpegavino istesso fa schiràti/ so i morari grandi in fondo al cavìn/ pa’ zugare a ciupascóndare./ … caressai da ’a bavesèa de aprìe,/ despojai co ’riva utuno,/ i xe senpre là, … che i ’speta!

LA LUNA – La luna dietro la siepe/ camminava a piedi scalzi/ e veniva le notti di luglio/ dentro la roggia con noi/ ad irrigare il granoturco di mio padre.// Grande, rotonda, gialla come la polenta,/ appesa in aria come i palloni della festa,/ fiammifero strofinato che accendeva il buio/ allungava le ombre delle canne/ che ci impaurivano.// Ma ci arrampicavamo lo stesso come scoiattoli/ sui gelsi grandi in fondo al sentiero/ per giocare a nascondino.// … accarezzati dal venticello di aprile,/ spogliati quando arriva autunno,/ sono sempre là, … che aspettano!

Da “ OLTRE IL FIUME, LE CASE, LE STRADE… “ – Editrice Itinera progetti – Bassano del Gr. – nel 2000

BASSANO, MIA CARA

Bassano, mia cara,/ ti affacci silenziosa/ sugli argini trasparenti/ dove il fiume accarezza/ con sospiri dolci i ponti/ e le labbra verdi della valle/ sussurrano parole d’amore/ agli occhi chiari del sole./ Garriscono le torri/ e il vecchio castello/ dipana merli, dita/ di una lunga cinta muraria./ Nell’abbraccio in girotondo/ tra strade e chiese/ conti, oltre l’antico borgo,/ cento e cento case./ Sulla manciata di piazze,/ fazzoletti di pietra,/ accogli passi di gente/ che danza a tutte le ore/ di giorni senza età/ e trattieni, filo d’Arianna,/ l’incantesimo del tempo/ accoccolato lungo le colonne./ Mi fermo a guardarti/ nel volo dei colombi,/ tra sorrisi e chiacchiere/ che riempiono l’aria/ e, nel respiro magico/ che mi solletica il cuore,/ l’anima anche di notte/ vuole ancora restare.

VECCHIO PONTE

Specchio della mia città/ vecchio Ponte degli Alpini/ cammini leggero sul Brenta/ e sfiori mani di muri/ che hanno davanzali di fiori./ Senti tra gli archi/ il delicato rumore delle onde/ che culla momenti/ e disegna braccia aperte/ sul fresco del viso./ Osservi ad ovest le alture/ dove sosta un gregge d’olivi/ e, su questo zig zag di toni/ che allarga l’orizzonte,/ doni una nuova sinfonia./ Ti sorridono palazzi e vie/ arrampicati fin sul colle/ dove il sole bacia gli abbaini/ e segna con il cielo/ un anfiteatro di monti./ Testimone di guerre/ e di furie brentane/ hai ricamato la storia/ ma tra le pieghe trattieni/ in questo tuo scorcio/ … fremiti di paradiso.

TEMPIO OSSARIO

Pagina di storia/ che non si può scordare/ come un libro aperto/ custodisci aneliti di libertà./ Voci, troppe voci/ sono state/ soffocate dal rumore/ di fucili e cannoni/ e non bastano i nomi/ a riconoscere volti,/ a percorrere boschi/ e pianure/ dove non è rimasta/ che una croce a segno./ Qui vicini/ come in un unico pensiero,/ stretti quasi/ in silenzio/ ascoltiamo il richiamo/ delle tue anime racchiuse/ e cantiamo allora/ in coro/ un sentimento forte/ che sale, volo di colomba,/ oltre queste mura./ Tra i campanili alti/ una preghiera/ abbraccia il cielo.

Da “ I GIORNI DELLE PANNOCCHIE “ – Editrice Veneta – Vicenza – nel 2003

’NA PAVEJA

So’ ’na paveja co’ ’e ae brusae/ se ’l magon me sofega ’a vita/ e i sogni se rapossa/ strachi so zughi despetenai./ ’E paroe fa giri sensa senso/ parché ’e ga perso ’a voja/ e i sorisi ze scunti so i casseti/ de l’armaron dei dì passai./ Sgrìsoi so ’e onge del vento/ sgrafa ’a vose del core/ ’desso che i giornai conta/ robe stranbe del nostro ’ndare/ e l’anima cussì me more rento/ fa seje che se stua e sconde el soe./ ’Na luna nova fùrego sol scuro/ pa’ semenare mejo el doman./ Vorìa catare i oci de ’e sisìe/ che strissia ’a matina,/ vorìa siensi lunghi de quaderni/ pa’ far balare i me colori.

UNA FARFALLA – Sono una farfalla con le ali bruciate/ se l’angoscia mi soffoca la vita/ e i sogni si riposano/ stanchi su giochi spettinati.// Le parole fanno giri senza senso/ perché hanno perso la voglia/ e i sorrisi sono nascosti nei cassetti/ dell’armadio dei giorni passati.// Brividi sulle unghie del vento/ graffiano la voce del cuore/ ora che i giornali raccontano/ cose strane del nostro andare// e l’anima così mi muore dentro/ come ciglia che si spengono e nascondono il sole./ Una luna nuova cerco al buio/ per seminare meglio il domani.// Vorrei trovare gli occhi delle rondini/ che segnano la mattina,/ vorrei silenzi lunghi di quaderni/ per far ballare i miei colori.

VOSE DE L’ANIMA

Go passi da puteo/ che serca pa’ me fiolo/ storie de fiuri e de farfae,/ sùbii de merli/ so roste e stropari,/ ma no’ cata pì posto/ parfin on fià de erba!/ Come on gateo ferìo/ ’a vose de l’anima/ me se incucia rento/ ’desso che i canpi/ ga ’a jacheta vecia/ e on capeo de paja sbregà/ che spaùra anca i contadini. / Qua i ga semenà strade,/ case nove, palassi/ e i spera che domanpassando/ gh’in nassa ’ncora./ Drio ste siese de cemento/ ’e foje respira calsina,/ i albari more sofegai/ e… i rissi de me fiolo/ co’ i oci imagà cussì/ ghe core drio col joystick/ a sbrindoi de video games!

VOCE DELL’ANIMA – Ho passi da bambino/ che cercano per mio figlio/ favole di fiori e di farfalle,/ fischi di merli/ su rogge e salici,/ ma non trova più posto/ perfino un po’ d’erba!// Come un gattino ferito/ la voce dell’anima/ mi si accuccia dentro/ ora che i campi/ hanno la giacca vecchia/ e un cappello di paglia strappato/ che spaventa anche i contadini.// Qui hanno seminato strade,/ case nuove, palazzi/ e sperano che dopodomani/ ne nascano ancora./ Dietro queste siepi di cemento/ le foglie respirano calce,/ gli alberi muoiono soffocati// e… i riccioli di mio figlio/ con gli occhi incantati così/ rincorrono con il joystick/ brandelli di video games!

QUESTO NUOVO MILLENNIO

Io non so se il tempo che verrà/ avrà il sorriso delle mille stagioni/ ora che il vento ha portato fin qui/ anche il vortice di foglie appassite./ Sulle strade della mia città/ si sentono ancora voci di uomini/ inzuppate di fatiche e dolori/ che hanno orme d’asfalto./ La corsa dei giorni si è persa/ nel labirinto delle illusioni/ e gli sguardi dei tramonti/ hanno i respiri della nebbia./ Non posso credere però/ che questo nuovo millennio/ abbia le braccia incrociate/ e non spinga l’altalena./ Domani, forse già questa sera,/ in silenzio e con l’anima in mano/ oltrepasserò il limite/ per entrare nel gioco dei colori,/ come l’alba, quando si stacca dal buio.

Da “ CON GIRI DI SOLE E D’OMBRA “ – Editrice Artistica Bassano – Bassano del Gr. – nel 2008

FRAMMENTI D’ALFABETI

Frammenti d’alfabeti/ ho posato sulla pagina bianca,/ pensieri rimasti impigliati/ tra le punte di un lapis/ e gli altri sono volati via/ oltre la gabbia della mente/ ed ora mi fermo a guardare/ queste righe in nero/ che sfilano allineate/ e vanno avanti e indietro/ perché vogliono restare/ almeno per un istante./ Frammenti d’alfabeti/ mi ritrovo tra le mani/ che conservo nei cassetti/ come fossero gioielli/ con la paura che qualcuno/ me li venga a rubare,/ ma ora che hanno voce/ non li voglio abbandonare/ e li accarezzo con gli occhi,/ li correggo in bella copia/ e poi in bottiglie di carta/ li affido al mare della gente/ e… buon viaggio!

LA CASA DEI GELSI

                                                                 a papà Mino

Avresti voluto rimanere/ su una coperta di papaveri/ con pennellate di fiordalisi/ e camminare in cortile di notte/ sui giochi delle lucciole./ Avevi nascosto in fondo all’anima/ storie che sapevano di frumento/ con chiari di luna sui prati/ quando arrivava l’acqua da irrigare/ perché era la casa dei gelsi!/ Avresti voluto trattenerci/ con manciate di altre promesse/ e tasche piene di briciole/ da spargere su aiuole d’attese,/ sguardi incantati di primi germogli,/ e dai nidi nascosti sul pesco/ farci ascoltare chiacchiere di passeri/ quando aggrovigliano fili d’ombra/ sulle stradine bianche di sole/ perché era la casa dei gelsi!/ Ma la grandine ha spezzato le spighe/ lasciandoti solo quattro muri/ dove spiare un mondo strano/ appena dietro vetri appannati/ fino all’ultimo fiato!

DOVE PROFUMANO I GERANI

Non cercatela,/ se ne è andata con passo lento,/ in serenità, quasi di nascosto,/ nel mese delle rose/ in un fruscio d’erba appassita/ che la vecchiaia porta con sé./ Nel respiro lungo del tempo/ quasi ogni foglia di gelso/ ha un pensiero sofferto/ di lavoro e fatica,/ lasciando allo scirocco/ sorrisi, parole e lacrime./ Non cercatela/ dentro casa o sui campi/ tra rosari e giaculatorie,/ appena un cenno di saluto/ e tutto qui intorno ora/ è solo un bersaglio di ricordi./ Se ne è andata/ verso l’altro cielo/ dove profumano i gerani/ e gli occhi sono abbagliati/ / da carezze di sogni/ che si fanno realtà./ Di questo strappo di giorni/ porto con me una valigia/ di cose rare e care/ da trattenere nel segreto/ e non le lascerò cadere/ mai più, mamma!

Da “ VOSI DE BATISéSOE – VOCI DI FIORDALISI “ – Editrice Artistica Bassano – Bassano del Gr. – nel 2011

Go perso l’istà   

Go perso l’istà/ ’a sera che ’e nùvoe/ ga sconto so l’armarón/ del ciéo ’a óngia de luna/ e so ’na tera sensa vose/ i babastrìji se ga stracà/ de cusire i fii del / del scuro/ pa’ ’na maja de vento./ Co’ do pìsseghi de fià/ ’e slusaróe inbriaghe/ che no’ sentiva pì ’e ae/ se ga rodolà so l’erba./ Go perso l’istà/ co ’e gorne sbusàe ga/ batùo el tenpo de ’na cansón/co’ ’e lagrime dei copi/ e so sto lunario cussì roverso/ se ga indormessà anca el soe/ scanceando de boto ’e onbrìe/ che no’ ga catà ’a so stajón./ Go perso l’istà/el dì ch’el caìvo/ ga speneà parfin i muri/ de ’na caìsene grisa/ che no’ ’assava passare/ gnanca ’na sfesa de luse/ e dai dinti de le inferià/ ze ’rivà solo sgrìsoi/ che me ga sofegà l’anima!

Ho perso l’estate – Ho perso l’estate/ la sera che le nuvole/ hanno nascosto nell’armadio/ del cielo l’unghia di luna// e su una terra senza voce/ i pipistrelli si sono stancati/ di cucire i fili del buio/ per una maglia di vento.// Con due pizzichi di respiro/ le lucciole ubriache/ che non sentivano più le ali/ si sono rotolate sull’erba.// Ho perso l’estate/ quando le grondaie bucate hanno/ battuto il tempo di una canzone/ con le lacrime delle tegole// e su questo lunario così rovescio/ si è addormentato anche il sole/ cancellando di colpo le ombre/ che non hanno trovato la loro stagione.// Ho perso l’estate/ il giorno che la nebbia/ ha dipinto perfino i muri/ di una caligine grigia// che non lasciava passare/ nemmeno una fessura di luce/ e dai denti delle inferriate/ sono arrivati solo brividi// che mi hanno soffocato l’anima!                                          

Case de Valbrenta

… e ’a zente ze ’ndà fora,/ fora da ’e case ranpegàe/ so ’e coste de ’a montagna,/ ’e ga ’assàe smarsire fa sarése/ de ’na frasca massa alta./ … e ’a zente ze ’ndà fora,/ fora anca da quée/ cunàe da ’e ciacoe/ del Brenta, caressàe/ da ’a brósa del canae,/ ’a ga stuà i fogolari,/ sarà i balcuni,/ ’assà che l’erbassa/ magne el saìso/ davanti ’e porte/ e ’a ze ’ndà fare ’migrassión! / ’Desso, de note/ no’ se sente pì/ contare storie/ de anguàne e sanguanèi,/ no’ se sente pì/ rento i strosi del bosco/ ’ndare passi de omani/ che fa contrabando de tabaco;/ e no’ ze restà ch’el vento/ solo el vento a sigàre/ su e zo pa’ i camini/ co’ l’urlo de ’n’anima danà.

Case di Valbrenta – … e la gente è andata fuori,/ fuori dalle case arrampicate/ sui pendii della montagna,/ le hanno lasciate marcire come ciliegie/ di un ramo troppo alto.// … e la gente è andata fuori,/ fuori anche da quelle/ cullate dalle chiacchiere/ della Brenta, accarezzate/ dalla brina del canale,// ha spento i focolari,/ chiuso le imposte,/ lasciato che l’erbaccia/ mangi il selciato/ davanti le porte// ed è andata fare emigrazione!// Ora di notte/ non si sentono più/ raccontare storie/ di fate d’acqua e di folletti,// non si sentono più/ dentro i sentieri del bosco/ andare passi di uomini/ che fanno contrabbando di tabacco;// e non è rimasto che il vento/ solo il vento a gridare/ su e giù per i camini/ con l’urlo di un’anima dannata.

Casa sbandonà 

 … e ’riva ’ncora a scaldarse/ ’e bissèrboe in meso sta erba alta/ che ghe sconde l’orizonte/ e no’ ’e vede pì ’n là de ’a menta,/ ma ze questo el momento giusto/ ch’el soe se destìra pin pianèo/ sol siensio de ’a corte che ’spèta/ el sgrènsare de ’n altro passo/ pa’ dire che ze tornà l’istà./ I muri paratorno sa da naftaìna/ parché ’a zente ze partìa/ co’ l’ultimo san Martin/ e no’ ghe ze pì gnanca ’e quèrte/ pa’ scaldarse ’na s-cianta l’anima,/ ma i véri se ricorda dei putèi:/ man e zugàtoi co’ oci incantà/ che spia el tenpo che tànbara/ ‘spetando che finisa el tenporae./ Ma nessuni se vede pì ’desso/ che ’a casa ze sbandonà da tenpo/ e l’aqua ga fato i strodoéti,/ ultime pèche de ’na cansón/ che no’ ghe ze pì qua vissìn/ ‘ndove che se ranpegàva i sogni( so on vivare tanto poaréto/ da no’ ’vere gnanca voja/ de ‘ndare fóra da ‘e porte./ ‘E uniche robe che torna qua/ ‘e ze quée de on diaéto fruà/ che móre sofegà so i ricordi!

Casa abbandonata – … e arrivano ancora a scaldarsi/ le lucertole in mezzo a questa erba alta/ che nasconde loro l’orizzonte/ e non vedono più in là della menta,/ ma è questo il momento giusto/ che il sole si distende piano piano/ sul silenzio dell’aia che aspetta/ lo scricchiolare di un altro passo/ per dire che è ritornata l’estate.// I muri attorno odorano di naftalina/ perché la gente è partita/ con l’ultimo san Martino/ e non ci sono più nemmeno le coperte/ per scaldarsi un po’ l’anima,/ ma i vetri si ricordano dei bambini:/ mani e giocattoli con gli occhi incantati/ che spiano il tempo che rumoreggia/ aspettando che finisca il temporale.// Ma nessuno si vede più ora/ che la casa è abbandonata da tempo/ e l’acqua ha fatto i rigagnoli,/ ultime orme di una canzone/ che non c’è più qui vicino/ dove si arrampicavano i sogni/ su un vivere tanto povero/ da non avere nemmeno la voglia/ di andare fuori dalle porte.// Le uniche cose che ritornano qui/ sono quelle di un dialetto consumato/ che muore soffocato nei ricordi!

Da “ PAROE DE ’N’ALTRA ISTA’ “ – Editrice Veneta – Vicenza – nel 2018

Spoon river

Ma ’lora si tuti ’ncora qua/ veci che ve catavo in cesa/ ogni volta che jera festa in paese/ e anca dopo ’e funsión/ co me fermavo a comprarme/ pa’ ’na sbrancà de moneda/ ’na tiramola e ’na liquirisia./ Fati quatro passi al simitero/ subito dopo el porton/ ve vedo qua bei in foto/ ’pena torno a ’e vanese/ fermi squasi a ciacolare/ come se fussi ’ncora in piassa/ soto i maronari mati./ Oncó mi ve saludo tuti/ parché vao da me popà/ perso in fondo ai grisantemi/ e dato ch’el ga fato/ tanta fadiga so i canpi/ no’ i ghe ga catà on posto/ comodo gnanca qua./ Me mama invese/ ’a ze là vissin a l’onbrìa/ ’pena drio i cipressi/ squasi a scondarse dal soe/ come che ’a faseva in vita/ co ’a sercava ’na bavesea de aria/ pa’ sorarse ’na s-cianta da l’afa./ So l’albo che qua vegno a vèrsare/ tegno sconto el profumo de on fiore/ parché romai fè parte de mi/ e, fa el tenpo che in autuno ga sbandonà ’e foje/ e in primavera el torna a tórsele,/ rento el me còre fasso de i gropi/parché go senpre on gemo de ricordi.

SPOON RIVER – Ma allora siete tutti ancora qui / vecchi che vi trovavo in chiesa / ogni volta che era festa in paese / e anche dopo le funzioni / quando mi fermavo a comprarmi / per una manciata di spiccioli / una tiramolla e una liquirizia. // Fatti quattro passi al cimitero / subito dopo il cancello / vi vedo qui belli in foto / appena attorno alle aiuole / fermi quasi a chiacchierare / come se foste ancora in piazza / sotto i castagni selvatici. // Oggi io vi saluto tutti / perché vado da mio padre / perso in fondo ai crisantemi / e poiché ha fatto / tanta fatica sui campi / non gli hanno trovato un posto / comodo nemmeno qui. // Mia madre invece / è lì vicino all’ombra / appena dietro i cipressi / quasi a nascondersi dal sole / come faceva in vita / quando cercava un filo d’aria / per rinfrescarsi un po’ dall’afa. // Nell’album che qui vengo a sfogliare / tengo nascosto il profumo di un fiore / perché ormai fate parte di me / e, come il tempo che in autunno ha abbandonato le foglie / e in primavera torna a riprendersele, / dentro il mio cuore faccio dei nodi / perché ho sempre un gomitolo di ricordi.

  Pianse ’a tera

’A pianse descondón ’desso ’a tera/ so ’a musica stonà del scuro,/ ’a se ga stracà de strassinàre/ sta vita che córe fa on s-ciantiso/ e ’assa solo peche de gnente/ che no’ slùsega gnanca col soe./ Sol gemo sconto dei pensieri/ serco ’lora on stroso perso/ che me porte indrio, rento/ ’na casa vecia romai sbandonà/ co’ vosi de slusaróe che balava/ sora el me tenpo inboressà./ Ghe jera sì fadighe e suor/ che sgrafava l’aria co’ i rastèi/ e i marèi de strafojo e spagna/ gheva el respiro caldo de feragosto/ che finiva cussì drio el sorgo:/ ma ’a canpagna jera cocolà,/ e le stajon longhe poco pì de ’na spana,/ che passava fa ave de fiore in fiore,/ semenava sbrancà de speranse/ e i papavari russi fa i sanguanèi profumava ’e paroe de fogo/ che me ze restàe stanpàe so ’a pèe./ In fondo in fondo al còre cato/ cussì fassoeti che suga ’e lagrime de sto mondo che va de rabaltón,/ parché no’ ghe ze primavera che no’ porte almanco ’na sbrancà de viòe,/ magari drio l’óro de ’na strada ’sfaltà.

PIANGE LA TERRA – Piange di nascosto ora la terra / sulla musica stonata del buio, / si è stancata di trascinare / questa vita che corre come un lampo / e lascia solo orme di niente / che non luccicano nemmeno con il sole. // Sul gomitolo nascosto dei pensieri / cerco allora un sentiero perso / che mi porti indietro, dentro / una casa vecchia ormai abbandonata / con voci di lucciole che ballavano / sopra il mio tempo di allegria. // C’erano sì fatiche e sudore / che graffiavano l’aria con i rastrelli / e i mucchi di trifoglio ed erba medica / avevano il respiro caldo di ferragosto / che finiva così lungo il granoturco: / ma la campagna era coccolata, // e le stagioni lunghe poco più di un palmo, / che passavano come api di fiore in fiore, / seminavano manciate di speranze / e i papaveri rossi come i folletti / profumavano le parole di fuoco / che mi sono rimaste stampate sulla pelle. // In fondo in fondo al cuore trovo / così fazzoletti che asciugano le lacrime / di questo mondo che va male, / perché non c’è primavera che non / porti almeno una manciata di viole, / persino lungo il ciglio di una strada asfaltata.

 Sto cantón de morari

Sa ’ncora de bonbaso/ ’e paroe inparàe/ so ’a stajon de ’e viòe/ quando ’e ciacoe del fiò/ ligava fameje de contrà/ e i puchi zughi poareti/ ze restài cussì petài/ so ’e fisse dei ani./ ’O go ’ncora rento/ sto cantón de morari/ e lo rancuro ingropà/ so on fassoéto colorà/ de squasi mile pensieri,/ fa ’na sbrancà de verini/ scunti in fondo ’a scarsèa,/ pa’ zugarli ’n’altra volta./ A vardare ’e righe/ dei quaderni neri/ cato come se fusse ’desso/ tanti passi curti/ de on puteo che ride,/ ma tuto paratorno ze caìvo/ che slonga i dì de otobre/ e querse i oci de ’e stée./ Ma sento ’ncora sighi,/ musica dolse de sisìe/ sora on canpo de papavari/ e formento co’ caresse de vento,/ e me torna in mente/ ’e robe sconte sol casseto/ … de on vecio bufeto/ che no’ go mai desfà.

QUESTO ANGOLO DI GELSI – Sanno ancora di bambagia / le parole apprese / sulla stagione delle viole quando le chiacchiere della veglia / legavano famiglie di contrada / e i pochi giochi poveri / sono rimasti così appiccicati / sulle pieghe degli anni. // Ce l’ho ancora dentro / questo angolo di gelsi / e lo conservo annodato / in un fazzoletto colorato / di quasi mille pensieri, / come una manciata di biglie / nascoste in fondo la tasca, / per giocarli un’altra volta. // A guardare le righe / dei quaderni neri / trovo come se fosse ora / tanti passi corti / di un bambino che ride, / ma tutto attorno è nebbia / che allunga i giorni di ottobre / e copre gli occhi delle stelle. // Ma sento ancora gridi, / musica dolce di rondini / sopra un campo di papaveri / e grano con carezze di vento, / e mi ritornano in mente / le cose nascoste nel cassetto // … di un vecchio comodino / che non ho mai distrutto.

Da “ NEL RESPIRO DEI COLORI “ – Effe2 Edizioni – Romano d’Ezzelino – nel 2021

Come un guscio

Sentirsi vuoto come un guscio/ dentro il respiro della notte/ con un orizzonte sempre più lontano,/ cercare ad occhi chiusi una mano/ che accarezzi i passi del cuore/ con la voglia grande di attraversare/ i prati verdi ancora rimasti qui vicino./ Non cerco più il capo del mondo/ perché forse non c’è niente da vedere/ ed il cielo ormai è così basso/ che sente piangere il volto della terra/ e cerca di capire dove vuole andare,/ ma vede tanti occhi con le lacrime/ per un pezzo di pane mai assaggiato./ Le dita conoscono il vuoto del tempo/ e sentono dietro le siepi il grido delle viole,/ non c’è voce che dica una parola/ e il cuore trema come foglia gialla/ perché l’ombra che segue non si scioglie/ sotto la coperta fredda del gelo/ e non toglie tutto il buio dagli occhi./ Qualcosa però c’è sempre da sperare/ se trovo i sogni delle orme degli altri,/ come rugiada che bagna i fili d’erba/ la notte nasconde le lacrime del giorno/ perché il blu ha dipinto i pensieri/ e le ali del vento spingono l’aria/ dove gli occhi della gente guardano avanti/ per non vedere che la terra è vestita/ di stracci, come una stagione perduta.

La bocca delle conchiglie

Ha la bocca delle conchiglie la quiete/ che ascolta il fischiettare della luce/ e guarda i denti bianchi del mattino./ Sfido il correre del tempo e vivo,/ intingo la paura sulle rocce dell’anima/ ma la scrivo su un foglio di schiuma./ Tengo speranze che nessuno sa/ perché il mio cuore ha occhi/ e vede oltre il giorno del calendario./ Macino dentro di me il paesaggio/ e mi ritrovo con una manciata di parole/ che fanno innamorare i pensieri./ Muoiono sottovoce le ore/ nel lento orologio del mondo mentre/ la vita vive anche dentro un falò./ Ascolto la voce di vento della luna/ che arriva con le ali della notte/ e insieme attraversiamo il buio./ Docile fibra dell’universo mi sento/ levigato dall’acqua come un ciottolo/ ma sogno un nuovo pensiero per il domani./ Annoto così sul profilo della campagna/ con la voce appuntita dei cipressi/ le mille case di questo universo./ Cerco il mormorio delle anime/ del tempo andato e di quello che verrà/ ma se si volta pagina senza leggere/ avrò scritto tutto per niente.

’Sto autuno

Supia el vento pa’ ’e strade/ e fora de ’a ostaria i veci ’scolta/ i ultimi soni de l’avemaria/ ch’el canpanie semena ’ncora./ Dorme i ricordi so i canpi/ de sorgo gnancora arà,/ saor de ’na volta romai lontan,/ speranse perse fa i sogni./ Sti tramonti ga face triste/ che porta on fià de mainconia/ e i zughi ruti ze restai so  ’e corte/ de ’e case sbandonae dai contadini./ I siensi senpre pì lunghi/ i ’riva co ’e ore de ’a sera/ e i se senta so i scaìni de ’a cesa/ a ’scoltare ’a corona del rosario./ Sora i querti e le grondane/ ze drio ’rivare ’a ongia de luna/ e so ’e fisse che segna i ani/ ’a scrive i passi nuvi de ’a note./ ’Pena ’na ala lesiera de luse/ toca i segreti del còre/ e ’a querse i pensieri inscartossai/ fa ’e foje de sto autuno./ ’Desso che ’a meridiana ze al scuro/ no’ se vede pì ’a onbrìa del tenpo/ ma basta el ridare de ’na tosa/ pa’ inpienare de nuvi orizonti/ anca i oci strachi dei veci.

Questo autunno – Soffia il vento per le strade/ e fuori dell’osteria i vecchi ascoltano/ gli ultimi rintocchi dell’avemaria/ che il campanile disperde ancora.// Dormono i ricordi sui campi/ di granoturco non ancora arati,/ sapore di una volta ormai lontano,/ speranze perse come i sogni.// Questi tramonti hanno volti tristi/ che portano un po’ di malinconia/ e i giochi rotti sono rimasti sulle aie/ delle case abbandonate dai contadini.// I silenzi sempre più lunghi/ arrivano con le ore della sera/ e si siedono sui gradini della chiesa/ ad ascoltare la corona del rosario.// Sopra i tetti e le grondaie/ sta arrivando l’unghia di luna/ e sulle rughe che segnano gli anni/ scrive i passi nuovi della notte.// Appena un’ala leggera di luce/ tocca i segreti del cuore/ e copre i pensieri accartocciati/ come le foglie di questo autunno.// Ora che la meridiana è al buio/ non si vede più l’ombra del tempo/ ma basta il sorriso di una ragazza/ per riempire di nuovi orizzonti// anche gli occhi stanchi dei vecchi.

 **********

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

BONFANTI RENATA – BASSANO DEL GRAPPA 19-6-1929 – BASSANO DEL GRAPPA 14-3-2018 – C – UNA PASSIONE CONDIVISA

Leggi tutto